« Torna alla homepage

Comitato tecnico-operativo

 

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

IL DIRETTORE GENERALE

VISTO il DPR 8 marzo 1999 n. 275, “Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell’art. 21 della legge 15 marzo 1197, n. 59”;
VISTA la legge 11 gennaio 2007 n. 1, in particolare l’art. 2, concernente l’ammissione agli Esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione;
VISTA la Legge 28  dicembre  2001,  n.  448,  art.  22,  recante  “Disposizioni  in materia di organizzazione scolastica”;
VISTO il decreto  legislativo  29  dicembre  2007,  n.  262,  “Disposizioni  per  incentivare l’eccellenze degli studenti nei percorsi di istruzione;
VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno  2009,  n.  122,  Regolamento concernente la valutazione degli alunni, e, in particolare, l’art. 8, concernente la certificazione delle competenze;
VISTO il Decreto del Presidente  della  Repubblica  15  marzo  2010,  n.89,  Regolamento recante “Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n.112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.133”;
VISTO il Decreto Ministeriale del 7 ottobre 2010, n. 211, Regolamento recante le Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani di studio previsti per i percorsi liceali, di cui all’art.10, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 89, in relazione all’articolo 2, commi 1 e 3, del medesimo regolamento”;
VISTA la legge 12 luglio 2011 n. 106, in particolare l’art. 9 comma 3, concenente disposizioni per l’istituzione della Fondazione per il merito;
VISTA la Legge 13 luglio 2015, n. 107 recante la “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”; in particolare il comma 7, lettere d, e, h;
VISTO   il  Decreto legislativo n. 60 del  13 aprile 2017,  “Norme sulla promozione    della cultura umanistica e valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali”;
VISTO il Decreto legislativo n. 62 del 13 aprile  2017,  “Norme  in  materia  di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato”, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107;
VISTO il DPCM 30 dicembre 2017 “Adozione del Piano triennale delle Arti”;
VISTA la Raccomandazione  del  Parlamento  Europeo  e  del  Consiglio  Europeo  relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente, del 22 maggio 2018;
VISTO DM n. 769 del 26/11/2018 “Quadri di riferimento per la redazione e lo svolgimento delle prove scritte” e “Griglie di valutazione per l'attribuzione dei punteggi” per gli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione;
VISTO il D.D. prot. n.0000708 del 7 ottobre 2014 che prevede la costituzione di     un Comitato Tecnico Educativo;
CONSIDERATO che il suddetto decreto attribuisce al Comitato Tecnico Operativo compiti di promozione e di attuazione delle Olimpiadi di Lingue e Civiltà Classiche;
RAVVISATA l’opportunità di approfondire lo studio delle tematiche del mondo antico attraverso l’analisi e l’interpretazione di testi e fonti letterarie, linguistiche, filosofiche, antropologiche, artistiche e storiche di autori greci e latini;
RAVVISATA l’opportunità di valorizzare le eccellenze nell’ambito delle discipline classiche nei percorsi di istruzione della scuola secondaria di secondo grado;
CONSIDERATA l’esigenza di aggiornare anche il Comitato Tecnico Operativo con nuove e diversificate professionalità:



DECRETA:

Articolo 1

Per le finalità indicate in premessa è costituito il Comitato Tecnico Operativo, con compiti di promozione e attuazione delle Olimpiadi di Lingue e Civiltà Classiche nei percorsi di istruzione della scuola secondaria di secondo grado, così composto:

SEZIONE GRECO
Patrizia Belfiore - Docente Liceo classico “I. Kant” di Roma
Valentina Cuomo - Docente Liceo classico "Q.Orazio Fiacco" di Bari
Pietro Rosa - Docente Liceo classico "Minghetti" di Bologna
Elena Mazzacchera - Docente Liceo classico "Paolo Sarpi" di Bergamo
Fausto Savasta - Docente Liceo classico “G. La Farina” di Messina

SEZIONE LATINO
Maria Antonia Piva - Dirigente scolastico Liceo classico “Duca degli Abruzzi” di Treviso
Giuseppe D'Alessio – Docente Liceo classico "Vittorio Emanuele II" di Napoli
Gian Enrico Manzoni – Docente Università Cattolica sede di Brescia
Giovanni Sponton – Docente Liceo classico "G.Carducci" di Milano
Valeria Rossi - Docente Liceo Classico "C. Marchesi " di Padova

SEZIONE CIVILTA' CLASSICHE
Carla Guetti – Docente DGOSV
Paola Massucco - Docente Liceo classico di Alessandria
Manuela Padovan - Docente Liceo classico "XXV Aprile" di Portogruaro (VE)
Donatella lacondini – Docente Liceo classico "M.Minghetti" di Bologna
Pietro Cappelletto - Docente Liceo classico "B. Zucchi" di Monza

Il coordinamento delle Sezioni è affidato rispettivamente a:
SEZIONE GRECO Mauro Tulli - Presidente della Consulta Universitaria del Greco-P.O. Lingua e letteratura greca-Università di Pisa e Renzo Tosi P.O. Lingua e Letteratura greca-Università di Bologna;
SEZIONE LATINO Giovanni Polara - P.E. Lingua e letteratura latina-Università di Napoli
e Paolo De Paolis Presidente della Consulta Universitaria di Studi Latini-P.O.Filologia Classica-Università di Verona
SEZIONE CIVILTA' CLASSICHE Cinzia Bearzot - P.O. Storia greca-Università Cattolica di Milano e Eva Cantarella Storica dell’antichità e del diritto antico-Università Statale di Milano;

ART 2- Il Comitato Tecnico  Operativo Nazionale  per  la Cultura  Classica avrà il compito, in sintonia  con il Comitato Istituzionale dei Garanti per la Cultura  Classica, di:
•    elaborare   il  bando   per  l'istituzione, a  partire  dall'anno scolastico   in  corso  e  con cadenza annuale, delle  Olimpiadi delle lingue  e civiltà  classiche;
•    scegliere  generi, autori, caratteristiche generali e specificità linguistiche delle prove;
•    definire i criteri generali di valutazione e le linee  guida  alle quali  dovranno attenersi, nella selezione degli elaborati migliori, i nuclei di correzione;
•    proporre al Comitato Istituzionale dei Garanti  per la Cultura  Classica una selezione  di studenti da premiare nelle singole sezioni previste dalle Olimpiadi;
•    interagire,  nell'ambito  della   realizzazione  delle   Olimpiadi  delle   lingue   e  civiltà classiche,  con  i Comitati Olimpici Regionali  di  cultura  classica, costituiti presso  le Direzioni Scolastiche   Regionali,   le  province  Autonome  di  Trento  e  Bolzano   e  la regione autonoma Valle d'Aosta.

ARTICOLO 2

Il Comitato Tecnico Operativo Nazionale per la Cultura Classica, d’intesa con il Comitato Istituzionale dei Garanti per la Cultura Classica, ha il compito di:
scegliere generi, autori, caratteristiche generali e specificità linguistiche delle prove;
- definire i criteri generali di valutazione e le linee guida alle quali dovranno attenersi i nuclei di correzione nella selezione degli elaborati migliori,;
- proporre al Comitato Istituzionale dei Garanti per la Cultura Classica una selezione di studenti da premiare nelle singole sezioni previste dalle Olimpiadi;
- interagire, nell’ambito della realizzazione delle Olimpiadi delle lingue e civiltà classiche, con i Comitati Olimpici Regionali di cultura classica, costituiti presso gli - Uffici Scolastici Regionali Regionali, le province Autonome di Trento e Bolzano e la Regione autonoma Valle d'Aosta.

ARTICOLO 3

Il Comitato Tecnico Operativo Nazionale regola il funzionamento delle proprie attività per gruppi di lavoro funzionali alla realizzazione delle Olimpiadi delle lingue e civiltà classiche.

ARTICOLO 4

La partecipazione al Comitato Tecnico Operativo Nazionale non comporta alcun compenso.

ARTICOLO 5

Le funzioni di segreteria saranno assicurate dall’Ufficio I di questa Direzione Generale, che curerà le attività di supporto organizzativo.

 

PER    IL DIRETTORE GENERALE
f.to      Giacomo MOLITIERNO


Scarica il PDF